Costruire il nuovo mondo del lavoro

EMMIO - Executive Master in Management of International Organizations

SHARE SU

L’1 e il 2 dicembre nella cornice del nuovo campus SDA Bocconi si è tenuto il più grande evento multilaterale dell’anno sul tema delle risorse umane: la 17th International Organizations Career Development Roundtable (CDR). Guidata e fondata da Michael Emery – direttore della Divisione Human Resource Management dell’International Organization for Migration (IOM) delle Nazioni Unite – la tavola rotonda ha riunito soggetti provenienti da tutto il mondo delle organizzazioni multilaterali, tra cui principalmente le Nazioni Unite, l’Unione Europea e le istituzioni finanziarie internazionali.

Il tema di quest’anno è stato “Fashioning the New World of Work” (“Costruire il nuovo mondo del lavoro”), con una forte enfasi sul futuro del lavoro all’interno delle organizzazioni internazionali e in particolare sui nuovi ruoli e responsabilità che vengono attribuiti ai professionisti delle risorse umane di tali organizzazioni. Ma si è posta anche molta attenzione su ciò che è cambiato all’interno delle organizzazioni internazionali negli ultimi 2 anni a causa del Covid-19.

Negli oltre 35 seminari e conferenze che hanno avuto luogo nei due giorni, i quasi 200 partecipanti hanno messo in comune le loro prassi per sviluppare il pieno potenziale delle organizzazioni internazionali. In particolare, più che discutere di “new normal” inteso anche come “un nuovo stato (o condizione) consueto, tipico o previsto”, la community ha condiviso idee sul nuovo modello di leadership del futuro. Una nuova leadership che Paolo Gallo – Alumnus Bocconi ed ex Chief HR Officer del World Economic Forum – ha chiamato delle “5C”: Cura di sé, Coinvolgimento, Connessione, Creatività, Coraggio.

Dopo due anni che per la comunità HR sono stati – come li ha definiti Michael Emery – “ad alto numero di ottani per per dimostrare creatività, resilienza e inventiva”, l’evento è stato anche l’occasione per riconoscere e premiare l’innovazione e i progressi fatti dai professionisti HR con gli Innovation in Recruitment and Employee Engagement Awards che sono andati a UNDP per il suo Graduate Programme ed ex aequo a WHO per il suo Advance Programme e a UNOG per la sua iniziativa Global Dialogues.

Anche l’Executive Master in Management of International Organizations (EMMIO) di SDA Bocconi è stato ben rappresentato all’evento CDR di quest’anno da Greta Nasi, Direttore EMMIO, che ha contribuito al senior panel su “Re-imagining work”, e da Alexander Hiedemann, Coordinatore del Master, che ha tenuto due seminari sul tema delle applicazioni della realtà virtuale nella formazione e nello sviluppo e sulla proposta di un framework per sfruttare la capacità manageriale nel raggiungimento degli Obiettivi di sviluppo sostenibile delle Nazioni Unite.

Erano presenti anche partecipanti e Alumni di EMMIO che hanno contribuito a due seminari: il primo dal titolo “Reimmaginare il settore della moda durante il Covid-19: quale lezione per le organizzazioni multilaterali?” e il secondo sul “Career Compass per le Nazioni Unite: orientarsi nell’acquisizione dei talenti” con il supporto di Manuela Morelli in qualità di Career Coach e HR Professional all’ONU.

Ecco tre riflessioni-chiave emerse da alcune delle questioni affrontate durante i due giorni:

  • Che cos’è cambiato definitivamente nel futuro del lavoro? “Le aspettative dei singoli e delle organizzazioni si sono spostate notevolmente, e ora si stanno creando nuove frontiere” – Ruth Blackshaw, Network Enabler per Young UN.
  • Che cosa possono fare le organizzazioni per essere luoghi di lavoro più attraenti? “Saper attrarre è importante ma è anche importante scoprire il nesso tra bisogni e risultati. Quando fissiamo gli obiettivi giusti e abbiamo le giuste esigenze riusciamo a responsabilizzare le persone, essere creativi e raggiungere gli obiettivi delle organizzazioni multilaterali” – Greta Nasi, Direttore EMMIO di SDA Bocconi School of Management.
  • Quali capacità sono necessarie alle organizzazioni per raggiungere gli obiettivi dell’Agenda 2030? “Essere sempre curiosi. Cercare persone con ampie vedute e che non si limitano a ‘fare’, ma lavorano per migliorare il loro ambiente e le persone intorno a loro” – Fernando De Benavides, Managing Director di Terra Firma Associates.

Michael Emery si è detto fiducioso del fatto che, con uno buon bagaglio di idee interessanti su come cambiare il mondo in cui lavoriamo e una maggiore consapevolezza di ciò che ci aspetta, i colleghi del CDR potranno ora tornare alle loro organizzazioni e orientare tutte queste acquisizioni verso il futuro.

Arrivederci #CDR!

SDA Bocconi School of Management

News Correlate

27 giugno 2022
Tavola rotonda sulle strategie digitali in ...
Tavola rotonda sulle strategie digitali in SDA Bocconi il 29-30 giugno
Scopri di più
23 giugno 2022
Reputation e Diversity confermano il GEMBA ...
Reputation e Diversity confermano il GEMBA SDA Bocconi tra i 10 migliori al mondo
Pubblicato il QS Global Executive MBA Ranking 2022
Scopri di più
22 giugno 2022
FT-MBA di SDA Bocconi al 2° posto in Europa ...
FT-MBA di SDA Bocconi al 2° posto in Europa grazie alla sua faculty e alle possibilità di carriera
Edizione 2022 del Full-time MBA Ranking dell’Economist
Scopri di più