I tre ingredienti di un Executive MBA

SHARE SU

Nel tempo libero, localizzato in prossimità delle sedi di lavoro e digitalmente “ibrido”. Sono questi i tre ingredienti che secondo le prime evidenze di uno studio intitolato “Design and Engineering of the Customer Experience: the case of higher education” condotto da Enzo Baglieri, Direttore Executive MBA Week-end, da UCLA Anderson School of Management e da University of San Diego, caratterizzano il profilo ideale di un programma Executive MBA.

Ne parliamo con Enzo Baglieri a margine della presentazione della prima edizione a Roma del programma Executive MBA Week-End, in parallelo a quello di Milano.

Nella vostra ricerca è emerso come cruciale ai fini della scelta del programma Executive MBA la “calendarizzazione” dei moduli formativi. Perché?
Un programma Executive MBA è un importante investimento nel percorso di crescita professionale ed è scelto da profili che hanno una seniority professionale mediamente intorno ai 10 anni, con punte anche di 20 anni e oltre. Si tratta quindi di figure il cui potenziale si sta già ampiamente esprimendo ed è quindi abbastanza complesso per costoro poter frequentare programmi Full-Time o ad alto assorbimento di tempo su base quotidiana. Il formato modulare o l’impiego del fine settimana rappresentano quindi la soluzione più compatibile con le esigenze professionali e personali. Nel contesto nord-americano peraltro sono le stesse aziende sponsor del candidato a spingere verso la scelta di questi format, perché ci si attende che al sostegno finanziario da parte del datore di lavoro il manager, che si candida a posizioni executive, possa contribuire anche investendo una parte significativa del suo tempo libero.

Cosa si intende per “prossimità”?
La nostra ricerca ha coinvolto oltre 250 manager operanti nel Nord America e altrettanti in Italia. Abbiamo scoperto che, sebbene negli Stati Uniti l’offerta di programmi Executive MBA di business school top ranked sia molto più ampia che in Italia, i comportamenti degli applicant non cambiano affatto, se non in ragione delle dotazioni di infrastruttura logistica. Quando nella stessa città vi sono due o più business school, il programma più “gettonato” è quello della b-school più in alto nei ranking, e questo è plausibile. Invece, tra due scuole localizzate una in prossimità della propria sede di lavoro e una in una località comunque vicina, ma oltre i 150 km dall’area di residenza professionale, è sempre prioritaria la scelta della scuola più comoda in quanto a distanza e tempo di percorrenza, indipendentemente dalla posizione nei ranking! La differenza tra USA e Italia la fa solamente l’alta velocità, che raddoppia la distanza “soglia”: per oltre l’84% del campione italiano, la scuola con posizione più alta nei ranking internazionali continua a essere la prima scelta anche se  localizzata a circa 300 km dalla sede di lavoro, purché sia collocata in prossimità della linea dell’alta velocità ferroviaria. Oltre, purtroppo, la logistica gioca a sfavore e si preferisce l’istituto di formazione più vicino.

Quanto è importante l’utilizzo delle tecnologie digitali in un programma Executive MBA?
Ancora una volta i due campioni hanno fornito indicazioni molto simili, anche se con qualche interessante spunto di riflessione – prosegue Baglieri – su cui dovremmo porre attenzione nell’imminente futuro. Infatti entrambi i campioni richiedono espressamente che le tecnologie digitali contribuiscano in modo attivo al processo di apprendimento, attraverso la dematerializzazione dei documenti cartacei e l’accessibilità ai contenuti del corso a distanza, in modo da favorire lo studio in mobilità, e ancora attraverso il crescente ricorso a simulazioni, business game e altre forme di ingaggio tecnologico dello studente. In entrambi i contesti geografici e culturali, tuttavia, non si intende rinunciare al momento del confronto fisico in aula, dove la capacità didattica della faculty e la “temperatura emotiva” dell’interazione tra docenti di qualità e discenti con background altamente selezionati rappresentano ancora il fattore di distintività tra un buon programma e un programma “memorabile”. In questo senso i programmi Executive MBA acquisiscono un profilo “ibrido”, ossia superano la dicotomia online vs. fisico e diventano un’esperienza unica, continua, che si massimizza grazie all’ibridazione dei diversi processi di apprendimento. La principale differenza tra il campione americano e quello italiano è stata la richiesta forte di soluzioni tecnologiche di collaborative working espresso dagli applicant di oltreoceano rispetto a quelli nostrani, che anche per l’interazione tra colleghi continuano in larga parte a preferire la concomitanza fisica del lavoro di gruppo tradizionale.

SDA Bocconi School of Management

News Correlate

18 ottobre 2021
Pogutz, le molte dimensioni (concrete) della ...
Pogutz, le molte dimensioni (concrete) della sostenibilità
Due incontri sul tema
Scopri di più
05 agosto 2021
Emma Twigg: un Oro Olimpico anche un po’ di ...
Emma Twigg: un Oro Olimpico anche un po’ di SDA Bocconi.
TOKIO 2020
Scopri di più
30 luglio 2021
Sul nuovo numero di E&M le prospettive ...
Sul nuovo numero di E&M le prospettive USA-Europa
Scopri di più