Il Monitor for Circular Fashion continua nel 2024 all’insegna dell’approccio ESG e multi-attoriale alla circolarità

SHARE SU

Riprendono le attività del Monitor for Circular fashion, osservatorio di ricerca di SDA Bocconi sulla moda sostenibile e circolare diretto da Francesca Romana Rinaldi e supportato dal contributo scientifico del Sustainability Lab di SDA Bocconi.  

Il Monitor for Circular Fashion 2024 coinvolge ingredient brand, brand di prodotto finito, vendor e service provider dell'industria della moda lungo l'intera catena del valore, dal produttore all’utilizzatore finale. La comunità di aziende coinvolte, selezionate per essere all'avanguardia nella sostenibilità e circolarità nel settore moda, proseguirà nel 2024 il suo percorso virtuoso di dialogo sulle opportunità e le sfide della circolarità, con l'obiettivo di individuare e sviluppare soluzioni concrete e misurabili. 

Sono stati accolti due nuovi partner: Gruppo Mastrotto, primo gruppo conciario in Italia e punto di riferimento mondiale nella lavorazione di pelli bovine di alta qualità, e Eurojersey, azienda leader italiana per la produzione di tessuti tecnici indemagliabili con il marchio Sensitive® Fabrics. 

 

Il primo meeting plenario si è tenuto presso la sede milanese di SDA Bocconi. L’incontro ha inaugurato l’anno di ricerca dell’osservatorio con tutte le aziende partner, accogliendo anche Mauro Scalia, Director Sustainable Businesses EURATEX per parlare di market surveillance e delle proposte del settore Europeo tessile-abbigliamento per il Regolamento ecodesign della Commissione Europea sui capi d’abbigliamento, Maria Teresa Pisani OiC Trade Facilitation Section Chief della Commissione Economica per l'Europa delle Nazioni Unite (UNECE) per aggiornare i partner del Monitor sul Sustainability Pledge di UNECE, Gustavo Gonzalez-Quijano, Secretary General di COTANCE per un approfondimento sulla tracciabilità dei pellami.  

 

“Il Monitor for Circular Fashion nel 2024 aggiungerà un focus sui KPI di circolarità che coinvolgono la dimensione sociale, la governance, il retail, la logistica e l’innovazione tecnologica. Sarà il risultato del lavoro con i Partner durante i plenary meeting dei prossimi mesi” afferma Francesca Romana Rinaldi, Direttrice dell’osservatorio.  

 

Dal lancio nel 2021 il Monitor for Circular Fashion ha individuato e analizzato oltre 40 KPIs di circolarità con l’obiettivo di fornire strumenti concreti per supportare i claim e allinearsi alla proposta di normativa europea contro il greenwashing.  

Grazie alla survey annuale sottoposta ai player parte dell’osservatorio di ricerca nel 2023, sono emersi diversi risultati sull’approccio ESG alla circolarità: 

 

Sul tema Environment / waste c'è ancora tanto da fare, partendo dall’aumento della percentuale di tessili usati raccolti separatamente per riuso, riciclo (ad oggi solo il 38% in Europa). Il 62% viene donata, rivenduta, resta inutilizzata. La normativa EPR che ci aspettiamo arrivi in Italia nel 2025 ci permetterà di accelerare questo percorso ma sono ancora tante le sfide. Includendo negli aspetti Social anche il coinvolgimento delle nuove generazioni, questo è stato il focus nel 2023: è stata svolta una ricerca di mercato per comprendere i comportamenti delle nuove generazioni in merito alla circolarità nel fashion. Alta sensibilità al greenwashing e interesse verso il digital product passport sono solo alcuni degli aspetti che emergono dalla ricerca, disponibile nel Report 2023. In ambito Governance il report di ricerca 2023 presenta delle analisi quantitative con rilevanza statistica dove risulta che la dimensione del board, la CEO duality e la presenza di incentivi alla sostenibilità come remunerazione degli Executives siano correlati positivamente con la performance di sostenibilità.  

 

I plenary meeting esperienziali e i progetti concreti di implementazione e test dei KPI proseguono durante tutto il 2024, insieme al commitment delle aziende del Monitor for Circular Fashion sulla tracciabilità e trasparenza di filiera nel Circular Fashion Manifesto, un Manifesto che dichiara l’impegno verso maggiore trasparenza e tracciabilità di filiera al Sustainability Pledge UNECE. Dal 2023 il commitment si estende alle 8 azioni del Textile Transition Pathway della Commissione Europea, una strategia per l’accelerazione delle pratiche green nel settore tessile abbigliamento pelle e calzature. La versione aggiornata del Circular Fashion Manifesto completo dei nuovi progetti pilota e progetti di industrializzazione sarà presentata alla stampa durante la fashion week milanese di settembre 2024. 

 

Nel 2024 prosegue inoltre C-Factor, iniziativa per coinvolgere startup e PMI innovative nell’osservatorio di ricerca attraverso pitch-session. C-Factor 2024 avrà un focus su materiali e processi innovativi per la circolarità nel tessile, abbigliamento, pelle e calzature e valorizzerà i piccoli player attraverso la connessione con le aziende dell’osservatorio. Il Monitor for Circular Fashion è in network con organizzazioni come EEN - Enterprise Europe Network, Sector Group Textile ed ETP - European Technology Platform for the Future of Textiles and Clothing (Textile ETP) per raccogliere input di ricerca e per lo scouting di startup innovative, sostenibili e circolari. 

 

SDA Bocconi School of Management

News Correlate

04 aprile 2024
I brand del lusso aprono le porte a EMiLUX
I brand del lusso aprono le porte a EMiLUX
Executive Master in Luxury Management
Scopri di più
11 marzo 2024
Cultura, collaborazione e competenze al ...
Cultura, collaborazione e competenze al centro del dialogo sulla trasformazione sostenibile
Scopri di più
11 marzo 2024
Un futuro sostenibile per lo spazio e per la ...
Un futuro sostenibile per lo spazio e per la Terra
SEE LAB e Telespazio
Scopri di più