Un nuovo valore per i brand

SHARE SU

Mai come oggi, il brand e la catena di fornitura sono collegati l’uno all’altra. L’evoluzione del primo da simbolo culturale ad agente del cambiamento sociale coinvolge direttamente la supply chain, sempre più esposta all’attenzione degli stakeholder interessati a ottenere informazioni sulle aziende. La catena di fornitura diventa in tal modo una vera e propria estensione del marchio e uno strumento indispensabile che le aziende dovrebbero adoperare per una narrazione di sé unica e originale.

Abbiamo chiesto a Stefania Saviolo di raccontarci alcuni degli aspetti centrali del suo ultimo lavoro, The Branded Supply Chain. A New Perspective in Sustainable Branding, curato assieme a Gianmario Borney.

Perché il brand e la propria catena di fornitura sono oggi così collegati tra di loro tanto da aver bisogno di una trattazione comune?

Il brand è reputazione e lo è sempre di più oggi in un contesto dove tutti gli stakeholder chiedono autenticità, rilevanza e trasparenza. Questa reputazione è il risultato di come il brand si presenta ma anche di come questo opera «dietro le quinte» nel relazionarsi con i fornitori, nel disegnare i processi produttivi, nel promuovere il benessere dei territori e delle comunità con cui si relaziona.

Nel libro una grande attenzione è dedicata ai criteri ESG, al tema della sostenibilità e al purpose aziendale. Ci può raccontare qualcosa in tal senso?

Condividiamo la prospettiva secondo cui un brand non è solo una promessa di valore a un cliente finale ma è ispirato da un purpose più ampio che definisce come l’azienda intende creare e distribuire valore per tutti gli stakeholder. All’interno del proprio purpose ogni brand troverà il modo per essere sostenibile, cioè per minimizzare gli impatti negativi e massimizzare quelli positivi su ambiente, persone, modalità di creazione e distribuzione del valore, cioè su quelli che sono i criteri ESG.

Un capitolo del libro è dedicato al tema della trasparenza. In che modo questo è essenziale per la supply chain?

La trasparenza di una catena di fornitura implica visibilità e disclosure, cioè capacità di tracciare a monte tutta la catena di fornitura e la successiva volontà di comunicare i risultati di questo tracciamento ai vari pubblici aziendali. Tracciare i passaggi a monte non è sempre facile così come non tutte le aziende sono disponibili a raccontare il proprio «dietro le quinte». Se da un lato è difficile avere supply chain completamente trasparenti, è comunque possibile avviare un processo che nel libro abbiamo definito di «care & check» per sviluppare maggiore consapevolezza e offrire una narrazione su un’area, quella della supply chain, rimasta spesso oscura e poco considerata in termini di comunicazione.

Gli ultimi capitoli sono dedicati a due eccellenze del made in Italy: Salvatore Ferragamo e Loro Piana. Quali sono gli aspetti più interessanti di questi casi aziendali?

Le due aziende esprimono due modelli di supply chain diversi ma entrambi eccellenti e tipici del made in Italy: l’integrazione verticale fino alla materia prima nel caso Loro Piana; una catena di fornitura in buona parte esternalizzata (in Italia) ma basata su relazioni forti e di lungo periodo nel caso Ferragamo. Queste aziende hanno saputo creare valore per fornitori e territori, costruendo una reputazione di marca forte e sostenibile che pone le persone al centro.



SDA Bocconi School of Management.

News Correlate

26 luglio 2021
Il Commercial Excellence Lab guida l’evento ...
Il Commercial Excellence Lab guida l’evento Head of Sales 2021
Organizzato da Business International - Divisione di Fiera Milano ...
Scopri di più
23 luglio 2021
Il potere dei network
Il potere dei network
L'impatto della rete di relazioni che modellano le nostre vite e ...
Scopri di più
19 luglio 2021
La sfida tecnologica per la formazione ...
La sfida tecnologica per la formazione manageriale
SDA Bocconi Insight - Sotto la Lente
Scopri di più