Smart working chiama smart manager

SDA Bocconi Insight - Sotto la lente - G. Soda, R. Ravagnani

SHARE SU

Lo smart working – almeno così è stato definito nella comunicazione pubblica, anche se in molti casi di smart aveva ben poco – in questi ultimi mesi è stato per molte persone una novità assoluta e ha rappresentato una trasformazione profonda del loro modo di lavorare. Per molte altre in realtà no non è stato così. Per esempio, chi già da molto tempo aveva la possibilità di lavorare da remoto, coordinando team geograficamente dispersi, ne conosceva i limiti: assenza di prossimità fisica, di interazioni face-to-face e di controllo diretto dei collaboratori.

 

La spinta emergenziale causata dalla pandemia ha costretto molte organizzazioni, pubbliche e private, a costruire modelli di lavoro smart o agile (d’ora in avanti useremo questi termini indifferentemente) attraverso sperimentazioni sul campo, in una logica di «prova-e-sbaglia». Il tiro è stato aggiustato man mano che le settimane di lockdown passavano, fino a giungere a soluzioni talmente soddisfacenti che sono in molti a dire che, d’ora in avanti, si cercherà di combinare al meglio le pratiche tradizionali con quelle innovative emerse in questi mesi.

 

APPROFONDISCI SU SDA BOCCONI INSIGHT>>

News Correlate

20 maggio 2020
Il giusto premio per la responsabilità ...
Il giusto premio per la responsabilità sociale d’impresa
SDA Bocconi Insight - Podcast - A. Dossi
Scopri di più
15 aprile 2020
L’umanesimo della creatività al centro della ...
L’umanesimo della creatività al centro della trasformazione digitale
SDA Bocconi Insight - Scaffale
Scopri di più

Programmi correlati