Le nuove sfide della sanità. Un confronto con le direzioni mediche di presidio del triveneto

SHARE SU

Ripensare il ruolo strategico delle direzioni mediche di presidio. È una priorità della governance clinica imposta dagli attuali processi di riforma degli assetti istituzionali e organizzativi dei servizi sanitari e dalla crescente complessità dei modelli di gestione delle cronicità. Ha preso le mosse da qui la collaborazione tra SDA Bocconi e ANMDO - Associazione Nazionale dei Medici delle Direzioni Ospedaliere del Triveneto per la realizzazione, con il contributo di Gilead e Novartis, del programma formativo TEXMAC, Training Executives for Managing Complexity, che si è appena concluso.
Nell’attuale scenario competitivo è essenziale creare occasioni di confronto sistematico tra le direzioni mediche di presidio sulle attuali sfide del ridisegno dei processi di governance e sulla necessità di acquisire maggior consapevolezza critica e gli strumenti tecnici e manageriali per affrontarle. Il progetto TEXMAC ha rappresentato una di queste importanti occasioni e ha cercato di offrire risposte concrete a queste esigenze. È stato costruito attraverso una stretta collaborazione tra SDA Bocconi e ANMDO fin dalla fase di progettazione, per orientare le giornate d’aula all’acquisizione di competenze e strumenti operativi immediatamente applicabili nei processi di cambiamento in cui i partecipanti – provenienti dalle Direzioni Regionali della Sanità del Friuli e del Veneto – sono coinvolti in prima persona.

Come ha sottolineato Francesco Bisetto, referente dell'ANMDO Triveneto, “il programma, oltre a rappresentare un'opportunità di confronto tra tutte le Direzioni Mediche del Veneto e del Friuli, ha costituito un momento di riflessione sulla necessità di un coordinamento clinico dei complessi processi assistenziali che riguardano il malato cronico, superando delle rigidità rappresentate dall'attuale separazione organizzativa tra ospedale e territorio".

TEXMAC, spiega Verdiana Morando, coordinatrice del programma svolto nell’ambito della Divisione Formazione su misura Amministrazioni Pubbliche, Sanità e Nonprofit “ha ottenuto la soddisfazione dei partecipanti perché ha trovato una formula specifica in grado di coniugare la visione di sistema con un forte orientamento all’acquisizione delle competenze, attraverso il confronto con altre esperienze, l’utilizzo di case study, le esercitazioni-pilota e la tutorship a distanza.

Gli obiettivi sono stati raggiunti con una costante collaborazione con ANMDO finalizzata ad adattare i contenuti anche in base alle esigenze emerse dall’aula. Un’esperienza che ha confermato il grande patrimonio professionale del nostro servizio sanitario e come questo sia disposto a rimettersi in gioco costantemente, per acquisire nuove competenze e approcci manageriali. È evidente, però, che si apre una nuova stagione anche per la formazione executive nei processi di riforma del SSN, in cui la definizione di ruoli e competenze richiederà sempre più una riflessione e una co-progettazione con i professionisti”. 

SDA Bocconi School of Management

News Correlate

19 luglio 2021
La sfida tecnologica per la formazione ...
La sfida tecnologica per la formazione manageriale
SDA Bocconi Insight - Sotto la Lente
Scopri di più
19 luglio 2021
NextGenerationPA, cinque tappe verso la ...
NextGenerationPA, cinque tappe verso la pubblica amministrazione di domani
La conclusione dell’anno EMMAP
Scopri di più
16 luglio 2021
Row to Grow: un EMBA è sempre in voga
Row to Grow: un EMBA è sempre in voga
Scopri di più