L'intelligenza artificiale per sviluppare i farmaci

SHARE SU

Milano, 18 Marzo 2019

ALESSANDRO MONTEROSSO, CON DUE COLLEGHI DEL MIHMEP, LANCIA PATCH, UN'INNOVATIVA PIATTAFORMA CHE RIVOLUZIONERA' I CLINICAL TRIALS

E’ una delle tre idee premiate, su 210 candidati, e giudicate meritevoli di un finanziamento di 180 mila euro nell’ambito di Bioupper,  l’iniziativa a sostegno dei giovani talenti che vogliono creare una start-up nelle scienze della vita, promossa da Novartis e Fondazione Cariplo in collaborazione con IBM e Cariplo Factory. Si tratta di Patch e il suo creatore, Alessandro Monterosso, 28enne calabrese di Palmi, diplomato al Master of International Healthcare Management, Economics and Politics (Mihmep) di SDA Bocconi School of Management, la descrive così: «Patch è la prima piattaforma conversazionale per i pazienti arruolati nella sperimentazione clinica dei farmaci, basata su un’app che per mezzo di un assistente virtuale empatico raccoglie dati e consente di monitorare i risultati della sperimentazione in real time, avendo così risposte sulla qualità della vita, l’aderenza terapeutica, i sintomi e gli effetti avversi. Obiettivo, quindi, aumentare l’engagement dei pazienti per accrescere anche l’efficacia dei clinical trials». Alessandro, che ha un background in infermieristica e oncologia pediatrica, è sostenuto nella sua idea imprenditoriale da altri due diplomati Mihmep, l’indiano Kumara Palanivel e il serbo Filip Ivancic: «Dopo aver lavorato come infermiere di ricerca in ambito oncologico-pediatrico», racconta, «ho incominciato a pensare di avventurarmi nel mondo imprenditoriale farmaceutico e per questo motivo mi sono iscritto al Mihmep.

L’idea di Patch è quindi nata proprio nell’ambito del Master, in particolare dall’esigenza di sfruttare le nuove tecnologie di intelligenza artificiale, machine learning e instant messaging per la raccolta e analisi dei dati durante la sperimentazione clinica dei farmaci, anche perché si sta progressivamente passando da una terapia uguale per tutti a una personalizzata». Con vantaggi per tutti, dai pazienti alle stesse case farmaceutiche. Dopo la competition di Bioupper, Patch ha avuto un’accelerazione e per aprile Alessandro Monterosso e i suoi compagni di avventura, che nel frattempo si impegneranno gradualmente a tempo pieno nel progetto, contano di avere pronto un prototipo. Che servirà per convincere gli investitori a credere in loro. «Il primo prodotto sarà pronto entro fine anno e prevediamo il lancio sul mercato nel primo trimestre del 2020. Il tutto grazie agli insegnamenti ricevuti nel Mihmep».

 

Fonte: ViaSarfatti25

News Correlate

13 settembre 2019
Kick off meeting del progetto APRI, Aids Plan Regional ...
Kick off meeting del progetto APRI, Aids Plan Regional Implementation
CERGAS, Centre for Research on Health and Social Care Management in partnership ...
Scopri di più
17 luglio 2019
La prima analisi dell’impatto socio-economico delle ...
La prima analisi dell’impatto socio-economico delle Apnee Ostruttive del Sonno (OSAS) in Italia
CERGAS SDA Bocconi e Philips presentano la prima analisi
Scopri di più
09 aprile 2019
Lezioni apprese sulla gestione delle patologie croniche
Lezioni apprese sulla gestione delle patologie croniche
Scopri di più