Il Caffè di Vincenzo alla conquista del mondo

Vincenzo Nicolosi, diplomato al MISA, Master In Imprenditorialità E Strategia Aziendale nel 2013, ha fondato un'azienda oggi leader nella vendita di caffè in capsule in italia. Ma non si accontenta

SHARE SU

La vocazione a fare l’imprenditore è qualcosa che hai dentro fin da piccolo, devi solo trovare le modalità, e l’ambito, con cui darle concretezza.

 

Vincenzo Nicolosi, 30enne siciliano di Messina, ha iniziato, come lui stesso racconta, “gestendo locali e organizzando feste, ma era quasi un gioco”. Vincenzo si è poi iscritto all’università, laureandosi in Economia a Messina, e si è poi guardato intorno alla ricerca di un master che lo preparasse a coronare il suo sogno.

 

“Ho individuato il Misa perché volevo approfondire le mie conoscenze e acquisire le competenze per fondare qualcosa, anche se non avevo ben chiaro in quale ambito”. Durante il master, nel 2013, Vincenzo Nicolosi entra in stage in Dalani Home & Living, come assistente del product manager, diventando in breve tempo product manager a sua volta e ricoprendo incarichi di crescente responsabilità. “Ci sono rimasto oltre un anno e mezzo, poi sono passato a Crido Consulting, un’azienda che offriva consulenza alla vendita online di prodotti di arredamento. Poi, a novembre del 2015, vengo contattato da quello che è il mio attuale socio e inizia la mia avventura che prosegue tuttora”.



Avventura che si chiama Il Caffè Italiano e che, nella forma attuale, parte ufficialmente a inizio del 2016. “Siamo un portale che commercializza caffè in capsule direttamente ai privati, che possono scegliere in un catalogo piuttosto vasto e ordinare le quantità che vogliono, senza un ordine minimo di acquisto”, racconta Vincenzo, “ma stiamo anche cambiando pelle, passando dall’essere semplici rivenditori a creatori di un nostro esclusivo brand”.

 

Attualmente Il Caffè Italiano vende per il 60% in Italia, ma nel cambiamento prima accennato è prevista anche una sempre più massiccia presenza sul mercato internazionale: “Vogliamo passare a un 80% di vendite all’estero, sfruttando il fattore italianità che in questo settore ha grande appeal sui consumatori”, prosegue Vincenzo Nicolosi, “sia direttamente sul nostro sito sia attraverso la presenza sulle principali piattaforme digitali, come Amazon, Ebay, Alibaba e altre. Il nostro obiettivo è diventare il primo Digitally Native Vertical Brand nel mondo del caffè e in particolare nel segmento capsule. Questo poiché ormai è tanto importante instaurare sempre di più un rapporto diretto con i nostri clienti finali e questo approccio ce lo permette”.

 

In questa sua avventura, Vincenzo ha potuto apprezzare e mettere in pratica gli insegnamenti del MISA e il suo network: “Il Misa ti insegna a vedere le cose a 360°, da qualsiasi funzione aziendale. Ti consente di sapere un po’ di tutto, in seguito puoi approfondire quello che ti interessa di più. Poi ci sono le persone che conosci e che prima o poi reincontri. Da una mia collega di corso, per esempio, anche lei di Messina, compriamo il caffè…”.

 

Fonte: ViaSarfatti25

News Correlate

24 maggio 2021
Perché l’EBITDA è meglio della crescita
Perché l’EBITDA è meglio della crescita
SDA Bocconi Insight - Sotto la Lente
Scopri di più
11 maggio 2021
Una leadership globale per il gruppo Angelini
Una leadership globale per il gruppo Angelini
SDA Bocconi Insight - Storie ad alto impatto
Scopri di più
08 febbraio 2021
Composizione e dinamiche del consiglio di ...
Composizione e dinamiche del consiglio di amministrazione
SDA Bocconi Insight - Podcast - M. Ventoruzzo
Scopri di più

Programmi correlati