Immigrazione, una questione di (mis)perception

SHARE SU

I numeri di per sé servono a poco, l’informazione è meno potente del pregiudizio. Quando si parla di immigrazione vince la percezione e la percezione molto spesso è errata. È quello che emerge da uno studio su “Immigrazione e redistribuzione” presentato da Alberto Alesina della Harvard University al primo incontro della serie “Economic Scenarios - The Practice of Macro”, il corso di Francesco Giavazzi per l’MBA di SDA Bocconi.
Lo studio – condotto tramite survey su campioni di intervistati in diversi paesi e di diversa origine, genere, livello sociale e opinione politica – rivela una sostanziale differenza tra la situazione reale e la percezione diffusa sul fenomeno dei flussi migratori e delle politiche redistributive legate ad essi. In Italia la differenza tra la quota di immigrazione “percepita” è del 25% contro il 10% effettivo, negli USA addirittura del 35% contro il 10%. Tuttavia, Italia, Francia e Germania sembrano molto più preoccupati dell’immigrazione degli Stati Uniti, che, nonostante la retorica di Trump, risultano più aperti all’immigrazione rispetto all’Europa. Lo studio evidenzia inoltre un dato particolarmente “caldo” in diversi paesi: le opinioni dei “nativi” sugli immigrati possono essere strategicamente manipolate dalle politiche anti-immigrazione e anti-redistribuzione.

SDA Bocconi School of Management

News Correlate

19 giugno 2019
Varetto, la leadership nell’informazione nell’era ...
Varetto, la leadership nell’informazione nell’era dei social
Leadership Series MBA
Scopri di più
18 giugno 2019
EMBA, un vivaio di giovani imprenditori di successo
EMBA, un vivaio di giovani imprenditori di successo
Due startup nate nelle aule Executive MBA
Scopri di più
07 giugno 2019
Le mille vite di un produttore di scarpe sostenibili
Le mille vite di un produttore di scarpe sostenibili
Global Executive MBA - An Alumnus' Success Story
Scopri di più