I mestieri nel management della sanità che non esistono ancora

 

Nel corso degli ultimi anni si sta osservando un processo di profonda trasformazione nel sistema delle professioni nel mondo delle aziende di erogazione dei servizi per la tutela della salute: viene progressivamente messo in discussione e superato il cosiddetto modello “neo weberiano”. Infatti, in passato le professioni riconoscibili all’interno delle aziende sanitarie potevano essere intese come soggetti collettivi organizzati (Larson, 1977) e impegnati nella costruzione e nelle difesa di una “giurisdizione professionale” (Abbott, 1988), fondata su competenze scientifiche specifiche apprese attraverso un percorso formativo formale (Tousijn, 2015).

Questo fenomeno, tipico delle professioni mediche si è esteso sia quelle rivolte all’assistenza e alla popolazione aziendale dei cosiddetti “amministrativi”. Ciò è collegato a due fenomeni paralleli:

  • Il primo è dato dalla presenza di conoscenze e pratiche attribuibili a discipline scientifiche. Sotto questo punto di vista, se nel mondo medico questo è un fenomeno acclarato, si tratta di un tratto nuovo, per quel che riguarda i professionisti dell’assistenza, e rinnovato per la popolazione degli amministrativi. Questi ultimi, oltre ad afferire alle discipline giuridiche, oggigiorno si rifanno a quella economico aziendale che caratterizza tutti i ruoli di gestione piuttosto che a quella ingegneristica);
  • Il secondo elemento riguarda le prerogative formali di esercizio delle professioni nelle aziende sanitarie. Infatti, è impossibile esercitare la professione medica senza un percorso educativo specifico e formale così come il processo di reclutamento e di assunzione può avvenire solo attraverso il sistema delle regole del soggetto pubblico, in questi contesti.

Le trasformazioni che stanno vivendo i sistemi regionali e le aziende sanitarie stanno trasformando i connotati delle professioni. Oltre a quelle tradizionali, stanno emergendo fabbisogni di competenze nuove strettamente legate alle nuove accezioni di azienda sanitaria di erogazione di servizi o alle nuove forme di organizzazione.

Il master MiMS, che collabora stabilmente con almeno 100 istituzioni di diversa natura all’interno del settore della sanità in Italia, sta intercettando negli ultimi anni alcune proposte di stage curriculari lontani dai contenuti e dalle professioni più tradizionali. Si pensi agli studenti con laurea in Farmacia che vanno ad occuparsi della logistica del farmaco sviluppando modelli diversi a seconda della classe di farmaci e non interpretano la loro professione tradizionale, così come prevista dalla specializzazione di farmacia ospedaliera. Piuttosto che gli studenti che vanno ad occuparsi della gestione del brand delle aziende sanitarie, oppure si occupano di strategie esplicite di patient engagement (costruendo relazioni stabili con le associazioni pazienti funzionali alla riprogettazione organizzativa) o della progettazione di strumenti social.

Da qui l’intuizione di sviluppare un accordo stabile con alcune istituzioni per “incubare” i contenuti di queste professioni emergenti che al momento sono puntuali e isolate, poiché sviluppate in seno alle aziende più innovative, ma si stima una graduale diffusione. Come censire i fabbisogni di queste nuove competenze professionali? Come strutturare contenuti e strumenti specifici? Come costruire delle comunità prima di pratica e poi professionali?

Obiettivi dell'Hangar MiMS

Hangar MiMS si propone quale incubatore di queste professioni emergenti che sostengono i processi di innovazione delle aziende sanitarie. Allo scopo si intende avviare le seguenti fasi nel corso del 2019:

  1. un censimento di tali fabbisogni emergenti attraverso una survey rivolta alle direzioni generali delle aziende sanitarie pubbliche con interviste semistrutturate sempre rivolte a questi ultimi (da gennaio ad aprile 2019);
  2. un workshop di presentazione dei contenuti emersi dal censimento condotto. Si ipotizza l’erogazione in occasione della graduation ceremony dell’edizione XVIII del MiMS a fine maggio 2019 oppure un altro evento organizzato ad hoc all’interno del percorso master;
  3. la demografia delle professioni emergenti attraverso alcuni video (max 3) che raccontano le esperienze di alcuni studenti MiMS impegnati nei nuovi ruoli emergenti grazie all’esperienza di stage (entro settembre 2019).

 

Scarica il programma del 2019