Regulation and Risk Management

Obiettivi

Il corso affronta il tema della regolamentazione prudenziale delle banche e le modalità di misurazione e reporting del rischio nell’ambito della gestione bancaria. Nelle prime tre sessioni sarà dato un quadro sulla regolamentazione a fini di stabilità e sulle sue evoluzioni prima e dopo la crisi finanziaria spiegando in particolare il dibattito sul tema della dotazione patrimoniale delle banche. Successivamente saranno illustrate le logiche di fondo della misurazione dei rischi di mercato e di credito per una banca commerciale, soffermandosi anche su esempi e casi applicati delle modalità con cui essi possono essere oggetto di report all’alta direzione e al board. I rischi complessivi verranno poi considerati nell’ambito del RAF, il risk appetite framework, che consente alla banca di determinare il miglior trade-off tra redditività e controllo del rischio.

Contenuti

  • La vigilanza di stabilità: principi generali
  • Il dibattito sul capitale proprio delle banche
  • L’unione bancaria europea: work in progress
  • Il Value at Risk per i rischi di mercato nel portafoglio di trading
  • Il backtesting del Value at Risk per i rischi di mercato
  • La misurazione del rischio del portafoglio crediti mediante il Value at Risk
  • Leggere e interpretare un risk report
  • Il risk appetite framework

Docenti

Davide Alfonsi
Chief Risk Officer, Intesa Sanpaolo
Presidente di AIFIRM (Associazione Italiana Financial Industries Risk Managers)

Francesco Saita
Professore ordinario di Economia degli intermediari finanziari, Università Bocconi
SDA Professor di Intermediazione Finanziaria e Assicurazioni

Marco Onado
Professore a contratto senior, Dipartimento di Finanza Università Bocconi
SDA Professor di Intermediazione Finanziaria e Assicurazioni

Giulio Mignola
Head of Enterprise Risk Management Department, Intesa Sanpaolo

Transaction Banking

Obiettivi

Poche industries sono, almeno potenzialmente, contendibili dai nuovi competitors digitali come quella bancaria e finanziaria. Le aree di vulnerabilità comprendono il lending, i servizi di investimento, ma soprattutto l’area dei pagamenti e delle transazioni. Il corso illustra come tecnologie profondamente disruptive (platforms, blockchain, mobile) e normative, incredibilmente, innovative (PSD2), combinate con il cambiamento dei bisogni, dei modelli di business e degli stili di vita e di consumo possano davvero trasformare radicalmente lo scenario dell’offerta e dell’utilizzo dei servizi finanziari.

Contenuti

  • Fintech: questa è la volta buona?
  • La banca senza la banca: crowdfunding, P2P e Robot advisory
  • La moneta cambia (e con lei la normativa)
  • La cashless society, in teoria ed in pratica
  • Forme di denaro e schemi di pagamento
  • Blockchain e Bitcoin
  • Dalle criptovalute agli smart contracts
  • Trade Finance e blockchain pubblica

Docenti

Umberto Filotto
Professore Ordinario di Economia delle Aziende di Credito, Università di Roma Tor Vergata
SDA Professor di Banking and Insurance

Massimo Morini
Head of Rates and Credit Modelling, Banca IMI

Massimo Tessitore
Responsabile Direzione Multicanalità Integrata, Intesa Sanpaolo

Capital and A&L Management

Obiettivi

Il corso considera la tematica della gestione dell'attivo e del passivo del bilancio bancario dal punto di vista dei flussi di liquidità e del potenziale mismatch. Si analizzano innanzitutto gli indicatori che possono essere usati per comprendere l'esposizione ai principali fattori, al fine di studiarne l'impatto sulla profittabilità e sul rischio, e per consentire al management di prendere decisioni opportune e consapevoli. Il corso presenta un focus particolare sul ruolo del CFO anche dal punto di vista del suo ruolo nell'organizzazione complessiva.

Contenuti

  • Il banking book e i suoi rischi
  • Alm nelle funzioni del CFO
  • Capital management
  • Le misure di esposizione al rischio di interesse del portafoglio bancario (impatto sul margine e sul valore economico della banca)
  • Liquidity risk: funding e market
  • La gestione e la mitigazione dei rischi

Giampaolo Gabbi
SDA Bocconi Banking and Insurance Faculty Deputy
SDA Professor di Intermediazione Finanziaria e Assicurazioni

 

Fintech&BigData

Obiettivi

L’efficiente capacità di trattamento dei dati rappresenta una fondamentale fonte di vantaggio competitive per le istituzioni finanziarie. Proprio la possibilità di disporre di ampi data set sul comportamento economico e finanziario di clienti individuali ed imprese sta consentendo ad aziende tecnologiche di offrire prodotti e servizi che tradizionalmente erano riservati alle banche, e consente alle società finanziarie di innovare profondamente nel servizio offerto alla propria clientela. Il corso illustra varie applicazioni di analisi di grandi data set alle istituzioni finanziarie.


Credit lending and NPL

Obiettivi

Descrivere i modelli utilizzati per la determinazione del merito di credito, descrivendo sia i sistemi basati sul rating sia quelli basati sull’analisi del business plan dell’azienda. Esaminare le caratteristiche dei non-performing loans al fine di comprendere le modalità di valutazione e di gestione degli stessi.

Contenuti

  • I modelli per la determinazione del pricing del credito
  • Lo sviluppo e la validazione dei rating interni statistical-based
  • Il mercato secondario dei non-performing loan
  • La determinazione del prezzo dei NPL
  • L’inserimento di NPL in portafogli finanziari

Giacomo De Laurentis
Professore Ordinario di Economia degli Intermediari Finanziari, Università Bocconi
SDA Professor di Intermediazione Finanziaria e Assicurazioni

Eugenio Rossetti
Chief Lending Officer, Intesa Sanpaolo

Sascha Steffen
Professor of Finance, Chair of Financial Markets, University of Mannheim, Business School

Audit and compliance in Banking

Obiettivi

Il continuo aumento nel tempo della pressione regolatoria ha richiesto modifiche sostanziali nell’organizazione delle banche.  La suddivisione dei controlli in tre livelli e la sempre maggiore importanza della funzione compliance meritano attenzioni particolari nell’ambito di qualsiasi corso di studi dedicato alla Finanza. Oltre a chiarire il funzionamento delle funzioni di controllo, il corso ha anche l’obiettivo di riflettere sulle implicazioni organizzative generali di come vengono esercitati i controlli nell’ottica di superamento della tradizionale distinzione tra funzioni di controllo e funzioni di business.

Docenti

Paola Schwizer
SDA Professor di Banking and Insurance

Technology and Banking Strategy

Obiettivi

Costruire la mappa delle diverse aree di business dell’offerta bancaria, mettendone in luce i tratti distintivi e sviluppando un’analisi delle minacce e delle opportunità presenti in ciascuna di esse. La costruzione della strategia passa attraverso la definizione delle combinazioni clienti-prodotti-mercati, declinata all’interno di una struttura organizzativa-societaria che mira al raggiungimento di obiettivi di redditività rilevanti per shareholders e stakeholders della banca. Il corso vuole offrire la comprensione delle relazioni chiave che collegano questi aspetti per consentirne un utilizzo efficace, originale e responsabile, mettendo al centro dell’analisi il ruolo della tecnologia e i suoi effetti sulla disruption delle attività bancarie tradizionali.   

Contenuti

  • La tecnologia e la disruption dei modelli di business
  • Le relazioni chiave per la costruzione della strategia
  • Le relazioni con corporate, retail e private
  • La ricerca di coerenza fra business, modello organizzativo e struttura societaria
  • Processo decisionale e obiettivi di shareholders e stakeholders
  • Regolamentazione, tecnologia e impatti sulla banche italiane

Docenti

Stefano Caselli
Professore Ordinario di Economia degli Intermediari Finanziari presso il Dipartimento di Finanza, Università Bocconi
SDA Professor di Intermediazione Finanziaria e Assicurazioni
Prorettore agli Affari Internazionali, Università Bocconi

Giovanni Gilli
Responsabile Capital Light Bank, Intesa Sanpaolo

Bank Transformation and Turnaround

Obiettivi

Presentare e discutere il contesto di mercato e regolamentare, nonchè le principali criticità di ordine strategico, finanziario, operativo e commerciale e i potenziali impatti sistemici legati alle crisi delle banche. Il corso si propone di fornire strumenti interpretativi, riferimenti regolamentari, modelli di analisi e di gestione proattiva/ reattiva finalizzati a supportare gli operatori (manager bancari, consulenti finanziari e industriali, regolatori ma anche potenziali investitori di private equity) nella realizzazione di un turnaround bancario di successo.

Contenuti

  • Il framework regolamentare (single resolution regime) per la ristrutturazione di istituzioni bancarie nell’UE
  • Distruzione creatrice nel banking: innovazione ed evoluzione nel sistema finanziario globale
  • Dalla crisi finanziaria globale del 2008 alla rivoluzione digitale
  • Restructuring finanziario e industrial: approcci, modelli e case study
  • Turnaround: approcci, modelli e case studi
  • Transformation: approcci, modelli e case study
  • Risoluzione e liquidazione: approcci, modelli e case study
  • Bad bank e credit work out: approcci, modelli e case study

Docenti

Claudio Scardovi
Managing Director, Global Head of the Financial Services Consulting Practice, AlixPartners
Board Member Risanamento