Il dean presenta la sua squadra

SHARE SU

Il Comitato di direzione voluto dal dean Giuseppe Soda rispecchia una visione del futuro basata su una formula: branded educational experiences

Le organizzazioni evolvono su stimolo delle persone che le dirigono. E il nuovo Comitato di direzione di SDA Bocconi School of Management è lo specchio dell’impulso che il dean, Giuseppe Soda, vuole imprimere all’evoluzione della Scuola. Soda ha infatti assegnato sei deleghe ad altrettanti responsabili, che affiancano lui e la managing director, Lucia Benedetti, nel Comitato di direzione.

La visione di Soda, entrato in carica a inizio novembre con la squadra del nuovo rettore Gianmario Verona, si può riassumere in una formula: branded educational experiences.

L’assunto alla base di una visione diversa del ruolo di SDA Bocconi è che il mercato dell’Executive Education sta attraversando un periodo di trasformazione, che si annuncia lungo e dirompente. Nuovi attori stanno entrando nel mercato, provenienti da settori differenti dall’education e con modelli di business radicalmente diversi da quelli delle business schools tradizionali. Le tecnologie digitali favoriscono il lancio di format educativi basati esclusivamente sul distance learning o con forme blended, come combinazione di formazione a distanza e formazione d’aula. «Oggi», spiega Soda, «è importante fornire a chi si rivolge a noi delle esperienze in cui la formazione si integri in un percorso di lungo termine con la costruzione di network professionali a elevato contenuto di competenza, con il coaching, con la consulenza sul career development e altro ancora, in maniera sempre più personalizzata». Per farlo, però, è importante che il percorso offerto costituisca una serie di esperienze uniche, basate su due asset fondamentali: la capacità di offrire contenuti originali, e una solida esperienza internazionale.  «Un punto di forza che SDA Bocconi può vantare rispetto anche ai migliori concorrenti europei è lo stretto legame con un’università come la Bocconi, con solide radici nell’attività di ricerca e un corpo docente che copre tutte le scienze sociali e con una buona diversità culturale», afferma Soda.

Le sei deleghe assegnate da Soda riguardano il presidio di quattro mercati e le responsabilità dello sviluppo del capitale umano e dell’internazionalizzazione. Andrea Beltratti, ordinario di finanza che ha ricoperto e ricopre importanti cariche anche nell’industria, è il responsabile della Claudio Dematté Corporate and Financial Institutions Division, ovvero di tutta la ricerca e la formazione su misura per imprese e istituzioni finanziarie. La Government, Health and Not for Profit Division, punto di riferimento per le amministrazioni pubblicahe e la sanità, è diretta da Rosanna Tarricone, che dirige anche il Cergas, il Centro di ricerche sulla gestione dell’assistenza sanitaria e sociale della Bocconi. Marco Tortoriello, ordinario di management con una lunga esperienza di insegnamento e di progettazione di programmi di formazione all’estero (Hec Paris e Iese di Barcellona), dirige la Masters Division. La Open Market and New Business Division è diretta da Gabriele Troilo, l’esperto di innovazione che guiderà l’introduzione di nuovi format educativi ed esperienziali, da offrire a manager e imprenditori dei vari settori. Lo sviluppo del capitale umano è affidato all’associate dean for SDA faculty, Andrea Dossi, associato di accounting che si occupa soprattutto di sistemi di programmazione e controllo strategico. Gli International Affairs vanno a Stefano Caselli, prorettore della Bocconi per l’internazionalizzazione.

Fonte: ViaSarfatti25

News Correlate

24 giugno 2021
Guerra: la leadership è ascolto e direzione ...
Guerra: la leadership è ascolto e direzione d’orchestra
EMF - Executive Master in Finance Leader Series
Scopri di più
26 maggio 2021
Ronca: la finanza e la creazione di valore ...
Ronca: la finanza e la creazione di valore nella trasformazione di carriera
EMF - Executive Master in Finance CFO Series
Scopri di più
24 maggio 2021
Perché l’EBITDA è meglio della crescita
Perché l’EBITDA è meglio della crescita
SDA Bocconi Insight - Sotto la Lente
Scopri di più