Marketing, una bussola per le PMI

SHARE SU

Il passaggio generazionale e la trasformazione dell’azienda da imprenditoriale a manageriale sono due temi sempre centrali all’interno delle Piccole e Medie Imprese italiane.

Un’intera generazione di imprenditori si trova a dover passare il testimone ai figli, che spesso hanno caratteristiche personali e formazione diverse. D'altronde, l’imprenditore è quasi sempre una figura particolare, spesso carismatica e con una forte tensione al risultato.  È naturale che i figli possano avere una differente visione della vita e del lavoro: le condizioni di partenza e ambientali, oltre che le spinte propulsive alla base del successo, sono diverse per i figli. La situazione sarebbe più semplice se l’azienda risolvesse l’altro ostacolo verso la crescita: la trasformazione dell’impresa da padronale a manageriale: i figli così potrebbero entrare gradualmente in azienda, occupando il ruolo per cui hanno maggior competenza e attitudine, rispondendo inizialmente a un manager con un rapporto esclusivamente professionale. Oppure, si limiterebbero a gestire la proprietà dell’azienda, assicurandosi il controllo dell’operato del management. La situazione che troppo spesso si trova, purtroppo è un’altra. L’imprenditore accentra il più possibile su se stesso le responsabilità, senza capire che si deve passare da un modello basato su esperienza e intuito, a un altro costruito su ascolto, competenze e pianificazione.

L’origine di tutti i problemi è il mondo, sempre più complesso e meno leggibile. Qualche decennio fa le aziende nascevano e crescevano su basi ben definite. Spesso il successo derivava da un’intuizione brillante, portata avanti con feroce determinazione. Non basta più adesso: le variabili sono numerose e in continuo cambiamento, al punto che è difficile stabilire la linea guida da seguire per lo sviluppo dell’impresa, alle prese con mercati globali, mezzi di comunicazione dalle potenzialità infinite, repentini cicli di vita dei prodotti e cambi delle esigenze dei consumatori. In questa situazione, le vecchie generazioni difendono i fondamenti da cui è derivata la fortuna dell’impresa. I giovani manager, invece, conoscendo meglio gli strumenti che un’azienda ha oggi a disposizione, propongono strade innovative per restare sul mercato. Da qui la difficoltà di fondere vecchie esperienze e nuove capacità, con crescita della conflittualità aziendale e gestione inefficiente.

Si può uscire da questa condizione agendo su due diversi aspetti: uno umano, l’altro strategico. Sul piano dei rapporti, la sfida è spersonalizzare le diverse posizioni, rendendo oggettive le scelte di gestione aziendale. Dal punto di vista strategico, occorre trovare una strada per sviluppare l’impresa partendo dalle basi su cui è stata costruita, ma che tenga conto delle mutevoli condizioni di mercato. Le PMI possono affrontare con successo i due temi sviluppando la propria attività intorno ad una pianificazione di marketing condivisa.

Perché un approccio di marketing? Perché il mondo delle aziende ha un solo re: il mercato, che si può creare, subire, influenzare, ampliare, segmentare, ma non ignorare se si vuole che l’impresa continui a farne parte.

Fonte: ViaSarfatti25

News Correlate

19 luglio 2021
La sfida tecnologica per la formazione ...
La sfida tecnologica per la formazione manageriale
SDA Bocconi Insight - Sotto la Lente
Scopri di più
19 luglio 2021
NextGenerationPA, cinque tappe verso la ...
NextGenerationPA, cinque tappe verso la pubblica amministrazione di domani
La conclusione dell’anno EMMAP
Scopri di più
16 luglio 2021
Row to Grow: un EMBA è sempre in voga
Row to Grow: un EMBA è sempre in voga
Scopri di più