SDA Bocconi per la Giustizia: strumenti di rendicontazione sociale per una trasparenza accessibile

SHARE SU

Anche quest’anno, dopo l’esperienza condotta a cavallo tra il 2014 e il 2015 insieme al Tribunale Ordinario di Milano, la CDR, Claudio Demattè Research di SDA Bocconi ha supportato gli uffici giudiziari milanesi nel percorso di innovazione degli strumenti di rendicontazione sociale in uso, contribuendo alla redazione del Bilancio di Rendicontazione Sociale (BRS) del Tribunale ordinario e della Corte d’Appello di Milano, e della Carta dei Servizi di quest’ultima.
Il BRS 2015 del Tribunale di Milano rappresenta la prosecuzione di una collaborazione con SDA Bocconi avviata già nel 2014: con il documento “A misura di cittadino”, il Tribunale ha voluto sottolineare, da un lato, la natura dell’azione giudiziaria come “servizio” alla collettività e, dall’altro, la rilevanza della cultura della misurazione come strumento di autoriflessione e miglioramento continuo.

Il Tribunale, impegnato da cinque anni in un percorso di rendicontazione agli stakeholder, vede nel BRS un’occasione per una verifica critica sull’attività svolta nell’anno, che è funzionale all’esigenza di informare i cittadini, le imprese, le amministrazioni pubbliche del territorio, il sistema giustizia e i propri dipendenti in merito al lavoro svolto, gli obiettivi perseguiti, gli elementi di miglioramento e le criticità che ancora permangono.

La Corte d’Appello, d’altra parte, ha inaugurato la propria collaborazione con la SDA Bocconi (dopo essere stata affiancata fruttuosamente dal CERTeT fino al 2014) sviluppando, ad integrazione del BRS, una Carta dei Servizi: questo strumento intende fornire ai portatori di interesse della Corte, e in modo particolare alle imprese, informazioni sintetiche, rilevanti e chiare in merito alle modalità di svolgimento dell’attività dell’ufficio giudiziario e agli standard di servizio attesi in relazione alle diverse fasi della stessa.
Il BRS, in continuità con le edizioni precedenti, offre una rappresentazione sintetica delle attività della Corte, distinguendo i contenuti i quattro sezioni principali dedicate alla missione, il territorio di riferimento e l’organizzazione, ai risultati conseguiti, ai progetti strategici e ai costi e le risorse.
In entrambi i casi, inoltre, il consolidamento della struttura dei documenti consente agevoli confronti intertemporali, facilitando la continuità della valutazione nel tempo.

I risultati dei lavori, condotti sotto il coordinamento scientifico di Giovanni Valotti, SDA Professor di Public Management and Policy, Prorettore per i rapporti istituzionali, Università Bocconi e sostenuti dal contributo di Banca IMI (per il Tribunale) e Assolombarda Confindustria Milano Monza e Brianza (per la Corte d’Appello), sono stati presentati in occasione di due eventi pubblici, tenutisi presso l’Aula Magna del Palazzo di Giustizia di Milano e presso l’Università Bocconi.

SDA Bocconi School of Management

News Correlate

30 novembre 2021
Del Punta, CFO Intesa Sanpaolo: la sfida ...
Del Punta, CFO Intesa Sanpaolo: la sfida ambientale e l’auto-regolamentazione
EMF - Executive Master in Finance CFO Series
Scopri di più
30 novembre 2021
Lo shock demografico (forse) inaspettato
Lo shock demografico (forse) inaspettato
SDA Bocconi Insight - Consumi & Costumi
Scopri di più
30 novembre 2021
Media e informazione: alla ricerca della ...
Media e informazione: alla ricerca della fiducia smarrita
SDA Bocconi Insight - Consumi & Costumi
Scopri di più