Vittoria Veronesi, SDA Pro..." /> Vittoria Veronesi, SDA Pro..."> Vittoria Veronesi, SDA Pro...">

La supply chain si fa relazionale

SHARE SU

a cura di Vittoria Veronesi, SDA Professor di Produzione e Tecnologia.

Il contesto economico incerto e lo scenario dimercato sempre più competitivo e volatile hanno messo in discussione tutto il sistema che lega le aziende, i loro fornitori e i loro clienti. Di conseguenza, ad oggi, la gestione della supply chain non può più essere finalizzata solo a una drastica riduzione dei costi, ma deve diventare un elemento cruciale per creare valore, aumentare la competitività e migliorare la performance aziendale. Le aziende infatti si trovano ad affrontare una crescente diversificazione in termini di prodotti, mercati e fonti di approvvigionamento. Tale fenomeno richiede un ripensamento dei processi di supply chain management verso una maggiore segmentazione e focalizzazione dei flussi sia fisici che informativi. “Serve passare da una visione orientata al ‘customer service’ a una proiettata alla gestione delle relazione con il cliente (customer relationship management),” spiega Vittoria Veronesi, coordinatore dell'Executive Program In Supply Chain Management. “Una strategia di supply chain non limitata a offrire un servizio standardizzato, che genera un valore contenuto, ma che tenga conto delle specifiche esigenzediuno opiù segmenti di clienti e possa offrire soluzioni che consentano di essere efficaci ed efficienti”.

La velocità e l’imprevedibilità con cui simodifica lo scenario competitivo implica la necessità di adottare un approccio orientato al riskmanagement e alla collaborazione. “Puntare all’integrazione delle imprese lungo la supply chain presuppone però che prima avvenga un processo di integrazione all’interno dell’azienda: la condivisione degli obiettivi strategici richiede una marcata integrazione tra le funzioni coinvolte,” spiega Veronesi. Il supply chainmanager oggideve avere una visione più ampia, trasversale e interfunzionale, nell’ottica della necessaria integrazione e collaborazione all’interno della propria azienda, con la funzione commerciale, i fornitori, i clienti e, quando possibile, con gli stessi competitor. “Dovrebbe sviluppare competenze manageriali che gli consentano di adottare una visione sistemica ed integrataper gestireuncomplesso sistema di attori, processi, prodotti, informazioni e tecnologie coinvolte nella supply chain, dall’origine di un prodotto o un servizio fino al consumatore finale”, conclude Veronesi.

Fonte: ViaSarfatti25

News Correlate

26 ottobre 2021
Mueller, i casi di un docente SDA tra i più ...
Mueller, i casi di un docente SDA tra i più venduti al mondo
Al 26° posto su quasi 9.000 autori
Scopri di più
25 ottobre 2021
Le app mediche meriterebbero di meglio
Le app mediche meriterebbero di meglio
Scopri di più
25 ottobre 2021
Dalla ricerca spaziale una risposta per ...
Dalla ricerca spaziale una risposta per l’emergenza climatica
La Conferenza Annuale del SEE Lab all’interno della Pre-Cop26
Scopri di più