Nel cuore dell’arte: il caso Villa Necchi Campiglio

SDA Bocconi Insight - Management Cases - P. Mion Dalle Carbonare, A. Rurale, S. Prestini

SHARE SU

Continuare a fornire un’offerta culturale di alta qualità mantenendo al contempo la sostenibilità economica dell’immobile. È questo il compromesso e il dilemma manageriale di Villa Necchi Campiglio, la splendida villa costruita nel cuore di Milano nel 1930 dall’architetto Piero Portaluppi e da 25 anni all’interno delle proprietà del Fondo Ambiente Italiano (FAI). Compromesso comune a molte istituzioni culturali – che hanno bisogno di mantenere entrate e visitatori sufficienti per giustificare la loro esistenza e per coprire tutti i costi relativi alla manutenzione e al funzionamento del bene – ma che nel caso della casa-museo Villa Necchi Campiglio si fa ancora più pressante.

APPROFONDISCI SU SDA BOCCONI INSIGHT>>

News Correlate

22 giugno 2020
Fase2 della cultura: perche' la ripresa dei ...
Fase2 della cultura: perche' la ripresa dei teatri sara' piu' lenta di quella dei musei
Arts and Culture Knowledge Center
Scopri di più
20 aprile 2020
Lavoratori nell'arte al tempo del Coronavirus
Lavoratori nell'arte al tempo del Coronavirus
MAMA, Master in Arts Management and Administration
Scopri di più
26 aprile 2018
Trenta cameristi della Scala celebrano ...
Trenta cameristi della Scala celebrano Bernstein sul palco Bocconi
Scopri di più