Sfide e opportunità del settore spaziale: il ruolo dell’Italia nel contesto internazionale

26
gen 2021 17:30 - 18:30
ITALIANO
Webinar

Le evoluzioni dell’“economia dello spazio” tendono progressivamente a sostanziarsi in iniziative suscettibili di creare un significativo valore aggiunto, grazie alla crescita, all’utilizzo ed al trasferimento delle nuove tecnologie dalle quali originano svariate attività scientifiche e commerciali. Consolidatosi il mercato privato degli oggetti in orbita, si stanno infatti aprendo, nella fase attuale, nuove, rilevanti opportunità commerciali discendenti dallo sviluppo delle attività lunari.

 

Al tempo stesso, come peraltro sottolineato nella “Strategia nazionale di sicurezza per lo spazio”, tale scenario, nel dischiudere inedite condizioni favorevoli per la crescita del settore, pone anche nuove sfide a quelle “potenze spaziali” che, come l’Italia, sono determinate a rafforzare la loro capacità di risposta ai cambiamenti in atto, in termini sia di offerta di mercato, sia di tutela degli interessi nazionali, alla quale sono chiamati a concorrere, ricercando ogni utile sinergia per potenziare la sicurezza e la resilienza del Paese, le Istituzioni, l’industria ed il mondo accademico e della ricerca.

 

Ciò, anche nell’alveo della strategia spaziale europea, volta a preservare la posizione di preminenza dell’Unione nel segmento, nonché tenendo conto della necessità di promuovere, in ambito internazionale, le convergenze necessarie per irrobustire la governance dello spazio. Al riguardo, pochi giorni dopo lo svolgimento della 13° Conferenza Spaziale Europea, in programma il 12 e 13 gennaio, il webinar consentirà anche di tracciarne un bilancio e di stimolare un confronto sulle direttrici d’azione che potranno discenderne su base nazionale.

 

Un incoraggiamento nelle direzioni predette promana peraltro dalla consapevolezza, viepiù diffusa nella società civile, che quello spaziale è un ambiente che si caratterizza non soltanto per le sperimentazioni scientifiche e per l’ampliamento degli orizzonti di conoscenza, ma anche per le rilevanti potenzialità di natura commerciale. Ne sono significativo esempio i benefìci attesi, a breve/medio termine, dall’utilizzo dei dati satellitari, in virtù delle ricadute economiche, sociali ed ambientali degli stessi anche ai fini dell’accrescimento del livello di competitività del sistema produttivo italiano.

 

Tanto premesso, il seminario si prefigge, fra gli altri, l’obiettivo di approfondire le plurime sfaccettature della tematica dei servizi satellitari e dei loro risvolti applicativi sul piano commerciale, in particolare l’impatto del trasferimento tecnologico su ambiti strategici quali l'energia, l’agricoltura, le assicurazioni, i trasporti, la sanità. L’emergere, soprattutto Oltreoceano, di attori privati che hanno guadagnato importanti posizioni grazie a schemi e modelli di business innovativi e hanno condotto le loro attività spaziali indipendentemente dal sostegno della mano pubblica, è un indicatore significativo per le imprese italiane dei servizi satellitari per renderle più competitive.

 

Il seminario riserverà altresì, attraverso qualificate testimonianze, la dovuta attenzione al contributo che il settore può offrire alla fase di ripresa post-pandemia ed all’avvio di un rinnovato ciclo di sviluppo del sistema economico nazionale. Si cercherà, in particolare, di esplorare obiettivi e strategie della nostra industria in relazione alle attività svolte nell’orbita terrestre ed oltre, tenendo conto di un contesto internazionale ove l’affermazione di nuovi soggetti imprenditoriali conferisce al comparto spaziale connotazioni di accentuata competitività.

 

Ne discuteremo con:

  • Andrea Sommariva, Direttore del SEE Lab - SDA Bocconi
  • Massimo Comparini, Deputy CEO ESVP Observation Exploration Navigation, Thales Alenia Space
  • Giuseppe Coccon, Senior Vice President Communications and Public Affairs, AVIO
  • Giuseppe Lenzo, SVP Marketing and Sales, Telespazio
  • Bruno Valensise, Vice Direttore Generale, DIS

 

La partecipazione è gratuita previa registrazione online.

Articoli correlati

La seconda vita della moda
Autori
Tempo richiesto 5 min
Next Generation EU tra rischi e opportunità
Autori
Tempo richiesto 5 min
Start-up innovative: salveranno l'italia?
Autori
Tempo richiesto 4 min