Mercoledì, 6 Maggio 2015

MCF, Il valore di una formazione “Pure Finance”

Intervista ad Alberto Dell'Acqua, il nuovo Direttore del Master in Corporate Finance.

Una storia professionale che sembra coincidere con l’evoluzione delle esigenze formative del mondo della finanza. È quella di Alberto Dell'Acqua, che nel suo nuovo ruolo di direttore di MCF, il Master in Corporate Finance di SDA Bocconi School of Management, trova una perfetta sintesi della sua carriera accademica e operativa. La persona adatta con cui parlare delle peculiarità e dei vantaggi offerti da questo programma post-graduate.

Quali percorsi accademici e professionali l’hanno portata ad assumere la direzione di questo importante Master rivolto ai futuri professionisti del settore finanziario? E come si sente nel nuovo ruolo?

Il mio percorso si è sviluppato in due ambiti che coincidono con le due anime di un master come MCF. Da un lato, un percorso accademico: dopo la laurea in economia aziendale in Bocconi e un dottorato in finanza d’impresa, mi sono specializzato presso un’università australiana su tematiche di finanza prevalentemente quantitative. Dall’altro lato, la mia carriera professionale: dopo avere maturato un’esperienza presso alcune boutique di financial advisory occupandomi di merger & acquisition ho fondato con altri soci una boutique di Corporate Finance Advisory con cui ho consolidato le competenze in ambito M&A, Evaluation, Private Equity e Venture Capital.
In questo nuovo ruolo all’interno di MCF mi sento molto bene perché conosco il programma da quando è nato: nel 2000 ho iniziato la mia carriera come assistente alla prima edizione, dalla terza edizione ho condotto sessioni didattiche gestendo alcuni business game e successivamente ho cominciato a tenere interi corsi. Insomma mi sento a casa. Ed evidentemente è un onore per me, oltre che motivo d’orgoglio, aver assunto ora la direzione del Master.

Ci elenchi i principali motivi per i quali iscriversi a MCF di SDA Bocconi nel 2015 è un buon investimento per il proprio futuro. Esistono indicatori statistici dell’efficacia di tale scelta?

Tre i motivi principali. Il primo è che è un master focalizzato al 100% su temi finanziari, quindi non contempla tematiche di general management, meno richieste per una carriera nelle istituzioni finanziarie o nei dipartimenti di finanza delle grandi aziende.
Il secondo motivo è il legame con il mondo anglosassone e la forte prospettiva internazionale di MCF: grazie alla collaborazione con la Fordham University di New York, abbiamo attivato un percorso alla fine del programma (luglio 2016) che permette ai partecipanti, sostenendo gli esami di altri 3 corsi intensivi seguiti a New York, di ottenere un master degree anche presso quella università. Di fatto si ottengono due titoli, il Master in Corporate Finance di SDA Bocconi e il Master of Science in Global Finance (MSGF) di Fordham. Un terzo elemento di valore è che il Master si svolge a Milano, “The place to be” nel 2015 anche secondo il New York Times. Al tradizionale appeal finanziario di questa città  si aggiunge quest’anno la grande ribalta internazionale rappresentata dall’Expo.
Che MCF sia un buon investimento sul proprio futuro, del resto, è confermato dalle statistiche di placement: il dato dell’anno scorso dice che il 95% dei partecipanti ha trovato un impiego in campo finanziario entro un anno dal termine del programma.

Quali sono le novità dell’edizione 2015 di MCF?

Si tratta di innovazioni in linea con l’impostazione formativa di MCF: sono stati introdotti nuovi corsi advanced su tematiche calde della finanza globale come private equity & venture capital, tax & finance, corporate financial structuring, international finance, portfolio management. I partecipanti hanno così la possibilità di indirizzare la loro specializzazione su tre differenti cluster: uno a indirizzo più manageriale, un altro dedicato alla finanza strutturata e alla gestione dei rischi e un terzo di tipo prevalentemente quantitativo. L’obiettivo è sempre quello di offrire competenze altamente specialistiche e costantemente up-to-date rispetto alle esigenze del mercato.


SDA Bocconi School of Management